virginiadanzamovimento | PAVIMENTO PELVICO
467
events-template-default,single,single-events,postid-467,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-16.8,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

PAVIMENTO PELVICO

Tanto importante quanto sconosciuto il pavimento pelvico è una struttura anatomica formata da un insieme di fasci muscolari e legamenti che sostiene come un’amaca e mantiene in sede gli organi contenuti nella pelvi, dal quale dipendono le loro funzioni: sessuale, riproduzione, evacuazione e respirazione.

Il pavimento pelvico viene diviso in tre strati, dal basso/esteriore verso l’alto/interiore:

piano superficiale del perineo
si estende dal pube al coccige e consiste nei due sfinteri vagina+uretra e ano. Le fibre dei muscoli che li avvolgono, pubo-coccigeo forma un 8. Il punto di incrocio è chiamato centro del perineo. E’ il muscolo per eccellenza preposto alla funzione sfinterica.

diaframma urogenitale
lo strato intermedio si estende tra gli ischi creando un triangolo tra pube, ramo ischiopubico, ischi e si trova nella regione più anteriore. Svolge l’importante compito di sostenere vescica e utero, si contrappone ad ogni pressione che arriva dall’alto (starnuti, tosse, colpi durante la corsa, sforzi e risate). E’ composto dai muscoli traverso del perineo profondo e superficiale. Uretra e vagina attraversano questo diaframma indebolendolo.

diaframma pelvico o profondo
è composto principalmente dall’elevatore dell’ano, un fascio di muscoli essenziale per un pavimento pelvico stabile e un bacino centrato. Si estende come un’amaca tra le ossa del bacino. Per visualizzarlo possiamo immaginare il coccige come la maniglia di un ventaglio che si estende aprendosi verso i lati e verso il pube in avanti.

Ma, nella pratica e nella vita quotidiana, come, quando e perchè utilizziamo (o non utilizziamo) il perineo?
I muscoli perineali sono definiti pavimento pelvico perchè costituiscono il pavimento del nostro corpo: senza di esso tutto cadrebbe, tutto cederebbe e prolasserebbe.
E’ l’organo delle sensazioni, della sessualità, è il protagonista del parto, della nascita, dell’amore; è il co-protagonista preposto alla respirazione, da qui il suo altro nome di diaframma pelvico. E’ infatti collegato anatomicamente al diaframma  respiratorio e, insieme ai muscoli addominali mantiene il corpo in posizione eretta, oltre alla funzione di sostegno e contenimento.

Il pavimento pelvico è poco conosciuto come entità anatomica e funzionale, eppure viene inconsciamente utilizzato nella vita di tutti o giorni: senza di esso saremmo incontinenti, non riusciremmo a trattenere nè pipì nè feci. Grazie a lui il rapporto sessuale assume tutto un altro valore: è il muscolo che partecipa e si contrae/rilassa durante l’orgasmo.
Tenere vivo e allenato il perineo è un concetto molto importante che porta ad un miglioramento del nostro stile di vita sotto vari aspetti:
– funzionale: avere una buona continenza aiuta ad avere uno stile di vita sereno e rilassato;
– sessuale: un perineo stabile è più sensibile e di conseguenza la qualità del rapporto d’amore migliora;
– sostegno: un perineo tonico e allenato sostiene funzionalmente gli organi ed evita l’insorgenza di prolassi (vescicale, rettale, uterino).

Cosa comporta un pavimento pelvico indebolito?
Leggera incontinenza durante la corsa, il salto, il tossire o lo starnutire = incontinenza da sforzo;
disturbi sessuali quali dolori durante l’atto sessuale, frequenti infezioni quali vaginiti, cistiti, emorroidi (in questo caso il pavimento pelvico è ipertonico);
prolassi vescicali e/o dell’utero;
problemi alla schiena / postura.

Quali sono i vantaggi di un pavimento pelvico allenato?
Un perineo pronto all’estensione durante il parto;
una maggiore consapevolezza raggiunta tramite respirazione e rilassamento nel processo del parto;
un maggiore controllo sui muscoli quando si starnutisce o tossisce senza perdita di urina;
aumento del piacere sessuale;
sensazione che la base del bacino ci sostenga meglio;
anche e gambe libere da tensioni, si cammina con più leggerezza;
schiena senza dolori, soprattutto la zona lombare;
meno tensione alle spalle e una postura più allineata;
più energia e vitalità.

Quando è consigliato allenare il pavimento pelvico?
Durante la gravidanza se il perineo è già debole e per ottenere un perineo flessibile pronto all’apertura;
dopo il parto per aiutare il completo recupero delle fasce muscolari;
dopo un parto cesareo o con episiotomia (taglio) o lacerazione del perineo;
dopo un’isterectomia o altri interventi ginecologici;
dopo parti numerosi;
prolassi vescicali o dell’utero;
sessualità dolorosa o insoddisfacente;
vaginismo e altre infezioni (candida, emorroidi, cistiti);
prima, dopo e durante la menopausa;
quando ci sono problemi alla schiena;
agli uomini prima o dopo interventi alla prostata.

Cosa posso fare per te
Movimenti specifici lenti e accompagnati dal respiro, altri più dinamici e attenti con o senza l’uso di accessori quali palle morbide, da massaggio e elastici, che migliorano la funzionalità e l’elasticità del pavimento pelvico femminile o maschile.
Impareremo a portare la corretta attenzione e intenzione al nostro pavimento pelvico, una maggiore presa di coscienza con l’acquisizione della consapevolezza che ci permetterà di ascoltarlo e di conseguenza muoverlo.
La pratica è utile e consigliata ad ogni età: da ragazza, per prendere maggiore consapevolezza del proprio fisico e prepararsi alla procreazione; in età adulta, soprattutto dopo la gravidanza, per ripristinare l’ambiente perineo e migliorare il benessere della schiena; in età avanzata per prevenire perdite e prolassi e in generale per mantenere attiva la propria vita sessuale.

 

Per questo ho creato PROGETTO DONNA, UNO SPAZIO PER TE:
corsi e programmi destinati alle Donne, da intraprendere da sole o insieme nella dimensione del piccolo gruppo, per una condivisione del femminile da vivere con gioia, serenità e senza tabù in spazi protetti, di ascolto e con assenza di giudizio.
La danza e il movimento come strumenti di consapevolezza del femminile e di ricerca del benessere.

Contattami per scoprire i percorsi di bacino in movimento – consapevolezza del pavimento pelvico più comodi per te.

 

Scarica ora la brochure.

 

 

 

 

 

 

     .    .