DANZAMOVIMENTOTERAPIA - virginiadanzamovimento
593
events-template-default,single,single-events,postid-593,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-16.8,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

DANZAMOVIMENTOTERAPIA

DANZAMOVIMENTOTERAPIA

La danzamovimentoterapia è una modalità specifica di trattamento di una pluralità di manifestazioni della patologia psichica, somatica e relazionale, ma anche una suggestiva possibilità di positiva ricerca del benessere e di evoluzione personale.
La danzamovimentoterapia si è sviluppata nel continente americano, in Europa e in altre parti del mondo, diversificandosi in una pluralità di modelli e orientamenti teorici, tecnici e applicativi.
Nel nostro paese le prime esperienze, sin dall’inizio presenti anche in ambito istituzionale, risalgono agli anni settanta. Da quell’epoca molta strada è stata percorsa, ad opera di numerose associazioni e scuole di formazione.

La DanzaMovimentoTerapia, che si collega idealmente ad antiche tradizioni nelle quali la danza era un mezzo fondamentale nelle pratiche per il benessere dell’individuo coopera e dialoga in contesti ed equipe multidisciplinari, promuovendo  le risorse del processo creativo, della danza e del movimento, per  una integrazione psicofisica, relazionale e spirituale, il benessere e la qualità della vita della persona. Si affianca di frequente ad altre forme di cura.

Nei più diversi contesti pubblici e privati (centri diurni, unità riabilitative, comunità terapeutiche, centri socio-educativi, ospedali, studi professionali, carceri, scuole, consultori…), la DanzaMovimentoTerapia ha trovato terreno fertile per un lavoro basato sull’unità mente-corpo-relazione che incontra immediatamente il bisogno delle persone.

Associata di frequente con altre forme di cura, la danzamovimentoterapia trova applicazione nel trattamento di numerosi disturbi psichiatrici: dalle psicosi ai disturbi d’ansia e dell’umore, dalle malattie psicosomatiche ai disturbi del comportamento alimentare e alle tossicodipendenze.
La danzamovimentoterapia è inoltre una collaudata modalità di approccio a diverse forme di handicap psichico, fisico e sensoriale.
Al di là della dimensione terapeutica e riabilitativa, la danzamovimentoterapia esprime anche competenze e tecniche rivolte allo sviluppo delle risorse umane, alla prevenzione del disagio psicosociale, alla formazione e al lavoro educativo.

 


 .  
“Non sappiamo in che modo la psiche sia il corpo e il corpo sia la psiche, ma sappiamo che non esiste l’uno senza l’altro…
Proprio come il corpo cambia nel corso del lavoro con la psiche, 
così la psiche cambia nel corso del lavoro con il corpo .”

Mary Whitehouse

 

“Danziamo, danziamo…altrimenti siamo perduti.”
Pina Bausch

 

“Certe cose si possono dire con le parole, altre con i movimenti. Ci sono anche dei momenti in cui si rimane senza parole, completamente perduti e disorientati, non si sa più che cosa fare. A questo punto comincia la danza.”
Pina Bausch

 

AMBITI DI INTERVENTO CON LA DANZAMOVIMENTOTERAPIA a cura di Virginia Conti

 

  • Consapevolezza e movimento del pavimento pelvico. Dalle qualità del respiro alle connessioni corporee per migliorare condizioni di ipotonia e ipertono. Viene inoltre integrato l’aspetto emotivo del diaframma pelvico, il primo chakra, la radice. Corpo e psiche (emozioni) sono inscindibili in un processo di guarigione. Solo dopo aver acquisito consapevolezza, e con i corretti strumenti, è possibile muovere ed allenare un sistema complesso e profondo di muscoli. Lo sguardo è terapeutico: accogliente e non giudicante.

 

  • Percorso di ginnastica consapevole del pavimento pelvico per donne psichiatriche con difficoltà di ascolto, percezione del corpo e dai vissuti emotivi disturbati. Intervento riportato nel lavoro di tesi “Contaminazione e Integrazione tra discipline: Danzamovimentoterapia e Consapevolezza del Bacino”.

 

  • Programma di intervento “io e il mio bebè”. Percorso di gruppo per mamme con i loro bambini a partire dal loro 2°- 3° mese di vita inserito in un programma più vasto denominato “Percorso Nascita” promosso dagli operatori dei Consultori del Servizio Famiglia dell’ASLMI2 che comprende interventi (prevalentemente di gruppo) finalizzati a promuovere la salute nella relazione genitori-figli e a sostenere la genitorialità nel periodo che va dalla gestazione al primo anno di vita . Esso si avvia nel 2000 su esperienze di progetti presentati nelle precedenti annualità sulla spinta della l.r. 34/96 che mira a riqualificare i servizi consultoriali quali strumenti di prevenzione pubblica , di educazione e promozione della salute. A cura della dot.ssa Monteleone.

 

 

  • Programma di intervento per giovani donne nigeriane immigrate che hanno subito la tratta: utilizzare la danza per occuparsi della cura e del benessere della persona, è l’obiettivo di questo percorso che si rivolge a donne che hanno subito traumi legati all’immigrazione da terre lontane fautrice di problematiche legate all’incontro con culture differenti, con una società non sempre pronta ad accogliere il “diverso”, con pregiudizi e intolleranze, con difficoltà lavorative ed economiche, con delicati equilibri all’interno della propria famiglia e con storie pregresse, anche di violenze domestiche. Il trauma è un assalto al nostro essere che lascia conseguenze complesse e profonde; la sfida, quando la fiducia è profondamente compromessa, non è unicamente di guarire il corpo: le esperienze traumatiche rimangono incorporate nei nostri corpi sotto forma di sintomi, immagini intrusive, emozioni disturbanti. E’ importante, con delicatezza e cautela, entrare in contatto con i propri vissuti per poterli rielaborare, gestire e di conseguenza per riuscire a vivere più serenamente. Intervento riportato nel lavoro di tesi “Contaminazione e Integrazione tra discipline: Danzamovimentoterapia e Consapevolezza del Bacino”.

 

 

  • Interventi in ambito dell’infanzia (dai 3-4 anni sino ai 6-7) presso scuole dell’infanzia e scuole primarie del territorio (Milano e Lecchese) con laboratori negli orari scolastici. Il laboratorio diventa un mezzo per aiutare le relazioni, aumentare la capacità di comunicare attraverso il corpo, con l’uso del linguaggio non-verbale, che è quello utilizzato dai bambini per comunicare, esplorare e conoscere il mondo. L’approccio è quello della danzaterapia che prevede uno sguardo diverso nei confronti del bambino o del gruppo, privo di giudizio, senza pregiudizi, che predilige l’ascolto e l’osservazione del bambino nei suoi movimenti o del gruppo nelle sue dinamiche. Lo scopo è far lavorare i bambini sulla dimensione corporea creativa, e poiché si è osservato che nello sviluppo, anche cognitivo, del bambino e nella strutturazione dell’apprendimento, notevole rilevanza ha la componente emotiva, l’intervento intende occuparsi proprio di questa dimensione, per agevolare il percorso tendente al successo scolastico del bambino e fornire agli insegnanti un punto di vista diverso e arricchito sui bambini con la conseguente possibilità di un alleggerimento del lavoro in classe.

 

  • Percorsi individuali su misura per bambini e adulti, oppure per la diade genitore-figlio, per promuovere la creatività, la consapevolezza, il gioco, la fiducia in sé.

 

 

  • Meditazioni creative: la meditazione è parte integrante di una sessione di danzaterapia. La pratica della mindfulness può essere considerata una sorta di processo che – attraverso la messa in pratica di tecniche di meditazione, deriva dalla meditazione buddista – porta l’individuo ad essere consapevole di sé stesso, dei propri pensieri, delle proprie sensazioni e della realtà, intesa come qui e ora, che lo circonda, senza giudicarli. Danzamovimentoterapia e Meditazione hanno in comune la consapevolezza, la centratura, il respiro, la presa di coscienza. Danzare le emozioni che si incontrano in una sessione di meditazione creative aiuta a riconoscerle, nominarle e trasformale.

 

  • Danzamovimentoterapia per piccolo gruppo di adulti nell’ambito del benessere per promuovere la socializzazione, la condivisione, la relazione e la qualità della vita. Ogni progetto è volto a una finalità specifica o si può adattare alla richiesta del piccolo gruppo.

 

  • Interventi in diversi ambiti e con finalità specifiche con i colleghi professionisti del nodo di Merate (attività promossa dal Centro Artiterapie di Lecco).

 

 

Per informazioni: info@virginiadanzamovimento.com – 347.9250647

Virginia Conti danzamovimentoterapeuta ai sensi della legge 4/2013